fbpx
Now Reading
L’economia in Lombardia nel 2023

L’economia in Lombardia nel 2023

crescita economia in Lombardia nel 2023

Crescono, rispetto alle previsioni precedenti, le stime di crescita dell’economia lombarda: +0,8% il PIL e +1,2% l’occupazione nel 2023. 

Si prevede, infatti, una crescita del +0,8% del PIL del territorio, con una revisione al rialzo rispetto al +0,6% stimato tre mesi fa. Anche per l’anno in corso la performance della Lombardia sarà superiore a quella della media Italiana (+0,7% secondo Prometeia). Crescono, inoltre, le previsioni sull’occupazione: +1,2% in Lombardia nel 2023, dal +0,8% di gennaio. Nel corso del 2023 verrà così colmato il divario con il pre-Covid: +0,6% gli occupati in regione rispetto al 2019 (meno che nella media italiana, al +0,9%).

“Questo risultato conferma la tenuta e la vivacità economica che avevamo più volte segnalato nei primi mesi dell’anno con riferimento alle imprese lombarde – ha dichiarato Alessandro Spada, Presidente di Assolombarda -. Nonostante un contesto mondiale in decelerazione, la rinnovata competitività e la storica flessibilità hanno permesso alle nostre aziende di conseguire risultati positivi e di trovare nuovi spazi di mercato. Tuttavia, esistono elementi critici da monitorare. Uno su tutti l’inflazione, che ci auguriamo possa decrescere nel corso dell’anno.

Ma a preoccupare è anche la difficoltà nel trovare figure professionali adeguate sul mercato del lavoro, un problema che riguarda il 45,6% delle assunzioni programmate. Siamo di fronte a una vera e propria emergenza competenze che rischia di diventare insostenibile per le sfide competitive a cui siamo chiamati. In questo scenario, gli ITS sono in assoluta controtendenza, con un tasso di occupazione dei loro diplomati all’80% a livello nazionale, con punte di eccellenza in alcuni settori del nostro territorio, quali la meccatronica e l’ICT.”.

(tratto da: https://primalodi.it/economia/aumentano-le-stime-di-crescita-delleconomia-lombarda-09-pil-a-lodi/)

Probabile riduzione dell’inflazione

Uno degli elementi che contribuisce al miglioramento del quadro complessivo è l’attenuarsi delle pressioni sui prezzi: la maggior parte delle imprese, in base alle ricerche e ai sondaggi, ritiene che l’inflazione abbia già toccato il punto di massimo negli scorsi mesi e, quindi, che nel corso del 2023 ci sarà una flessione (52%) o stabilità (31%). La discesa dell’inflazione si sta rivelando, comunque, più lenta rispetto alle attese: a gennaio era il 73% la quota di imprese che prefigurava un trend discendente per tutto il 2023 (va tuttavia considerato che allora l’inflazione mensile era al 10%, ad aprile pari all’8,3%).

Infine, resta positivo, ma più cauto, il sentiment riguardante il futuro andamento dei prezzi dell’energia: il 44% attende ulteriori riduzioni nel corso dell’anno dai 42€/MWh di aprile e secondo il 31% rimarrà stabile, mentre per il 18% l’energia subirà nuovi aumenti.

La costante sfida del digitale

Da troppo tempo, nei report ufficiali, in Italia, il digitale è definito una sfida. Forse, nel 2023 dovrebbe essere ormai una certezza e un asset fondamentale, in cui le aziende credono e investono.

Non è così; lo vediamo quotidianamente, anche se è innegabile che i miglioramenti siano costanti.

“L’utilizzo delle tecnologie digitali ha avuto un forte impulso dalla crisi pandemica. Le restrizioni hanno determinato un’accelerazione nella transizione al digitale. Vi è stata una forte espansione della connettività, la banda ultra-larga già ampiamente diffusa con connessioni via fibra (45,1% delle imprese lombarde) e via rete mobile (39,5%) ha visto un incremento di qualità e disponibilità. La disponibilità di connessione ha posto le basi per una crescita dei servizi di comunicazione digitale con il pubblico. I siti web aziendali, considerati già adeguati prima dell’emergenza dal 41,8% delle imprese lombarde, sono stati introdotti o migliorati da un ulteriore 10,7%, raggiungendo il 52,5%. 

In crescita anche l’offerta al pubblico di servizi digitali complementari: l’interazione con la clientela attraverso social media già usata dal 20% delle imprese, è stata introdotta o migliorata da un ulteriore 13,6%. 

I servizi digitali (newsletter, tutorial, ecc.), erano forniti dall’8,4% delle imprese, sono ora disponibili dal 20,2%. 

È raddoppiata la presenza di investimenti tecnologici per migliorare la qualità e l’efficacia dei siti web. Questi investimenti in precedenza riguardavano il 10,9% delle imprese lombarde, sono divenuti pratica comune per il 21,1%. 

Nella comunicazione interna all’impresa, l’utilizzo di applicazioni di messaggistica e video-conferenza è quasi triplicato: dall’11,1% al 31%.

L’e-commerce in Lombardia

È rimasto ancora limitato il ricorso alla vendita on line. La vendita di beni o servizi mediante proprio sito web (e-commerce), adottata prima della crisi dal 7,1% delle imprese lombarde con almeno 3 addetti, pur raddoppiando, riguarda solo il 13,3% (20 mila imprese dispongono ora di siti web per l’e-commerce, altre 5.600 hanno intenzione di realizzarlo entro un anno).

[…]In merito all’indicatore sintetico di digitalizzazione di un sistema (DESI), scrive nel suo report la Banca d’Italia,: “Nell’ultima edizione con dati riferiti al 2019, l’Italia si è collocata al venticinquesimo posto su 28 paesi UE nell’indicatore DESI, con un ritardo particolarmente marcato nelle competenze digitali, nell’utilizzo dei servizi internet da parte dei cittadini e nel livello di digitalizzazione delle imprese. Il Paese è invece in linea con la media europea per connettività e e-government. Nostre elaborazioni di un equivalente regionale dell’indicatore DESI europeo mostrano che la Lombardia ha un livello di digitalizzazione superiore a quello dell’Italia in ciascuna delle componenti. Rispetto alla media europea, la regione ottiene risultati migliori nell’indicatore di connettività, ma presenta carenze nei profili legati alle competenze digitali della popolazione e all’utilizzo delle tecnologie informatiche da parte delle imprese. […] Nel complesso le differenze con l’Italia appaiono abbastanza limitate e non tali da compensare il gap rispetto alla media europea”.

Tratto da: https://www.consiglio.regione.lombardia.it/wps/wcm/connect/c3806461-690f-47bc-b861-f3dbf7019b4b/StudiNuoviScenari_ReportArea_SviluppoEconomico15lug2021.pdf 

Contattaci

Se sei incuriosito da ciò che hai letto e pensi che sia il momento giusto per far “cambiare marcia” alla tua comunicazione, contattaci. Analizzeremo, assieme a te, il tuo progetto, per condividere idee e soluzioni efficaci. Inviaci una mail su info@livingstonweb.it

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricordati di controllare la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web, secondo la privacy policy visualizzabile in questa pagina. Registrandoti alla nostra newsletter, accetti di ricevere aggiornamenti periodici da parte nostra. Le email che invieremo conterranno contenuti preziosi per la promozione della tua attività online.

Scroll To Top