Now Reading
Non sono solo parole

Non sono solo parole

Raccontare la tua attività sul web è un linguaggio che funziona. Le persone sono in cerca di soluzioni ai loro problemi, a risposte ai loro dubbi. Tu sei in grado di fornire quelle risposte.

Parti dalla parola chiave principale, che caratterizza il tuo settore merceologico e puoi arrivare alla produzione di contenuti davvero interessanti per i tuoi lettori.

Un esempio

“Pulizie industriali” è la parola chiave. Di cosa puoi parlare negli articoli del blog per parlare alle persone potenzialmente interessate al tuo business?

E, soprattutto, perché devi produrre questo tipo di contenuti, nel tuo sito web e nei tuoi canali social?

Perché i contenuti di qualità, pubblicati sul Web, hanno il potere di accrescere la reputazione online e conferire autorevolezza al brand.

È anche importante farsi trovare facilmente: il posizionamento SEO sui motori di ricerca dipende, in larga parte, dalla qualità e dalla coerenza dei contenuti.

Non solo nel B2C, anche nel B2B, il Content Marketing permette di raccogliere contatti qualificati (lead generation) creando e diffondendo contenuti di qualità in grado di educare, ispirare e convincere i potenziali buyer a diventare clienti.

C’è un metodo preciso per individuare gli argomenti di cui parlare

Livingston ha introdotto e perfezionato un metodo di analisi, per trovare gli argomenti di cui parlare nel blog, che siano interessanti per il pubblico dei potenziali clienti (o, ancor prima, di potenziali lettori, perché la base di tutto è generare interesse per poi, creando un crescente clima di fiducia, trasformarli in persone fortemente interessato, e, infine in clienti).

Con “contenuti” puoi mostrare ai tuoi lettori che si possono rivolgere a te con fiducia, perché sei un esperto e sei in grado di fornire soluzioni utili ed affidabili per i loro problemi.

In un mondo in cui, a parole, sono tutti eccezionali, tutti leader di settore, tutti in grado di fornire un servizio eccellente (e a 360°), siamo chiamati a dimostrare la nostra competenza con i fatti, con contenuti di valore e di qualità.

Partiamo dalla parola chiave

Il metodo parte, appunto, dall’analisi di una parola chiave (“pulizie industriali”), per arrivare a definire un elenco di argomenti interessanti per il nostro pubblico.

Non è un’analisi dei tuoi concorrenti, anche se nell’elenco dei siti individuati con quella parola chiave probabilmente ne troverai alcuni.
Il punto è che l’elenco di questi siti serve solo come “ponte”, per poi identificare, con l’analisi dei backlink ed opportune chiavi di ricerca su Google, i blog di nicchia del tuo settore, ed individuare spunti su temi e argomenti da trattare.
Identificheremo i siti che al loro interno hanno molto probabilmente contenuti che possono interessare le “personas”, che sono qualcosa in più di un generico target.
Le “personas”, nel marketing, sono il ritratto del tuo potenziale lettore in target, gli utenti che fanno parte della tua nicchia.

… Ed ecco gli argomenti

Ti proponiamo alcuni esempi degli argomenti individuati per l’impresa di pulizie:

  • Curiosità: arriva l’influenza, curiamo le maniglie
  • Le zanzariere: un intervento di pulizia straordinario
  • Tipologie di detergenti (rispettosi di salute e ambiente, super-concentrati, disincrostanti acidi)
  • Pest Control (controllo degli infestanti) per le industrie alimentari
  • Le procedure di igienizzazione impiegate nelle aziende alimentari
  • Focus su interventi in uno specifico settore merceologico: industria conserviera
  • Pulizia e disinfezione con l’ozono
  • Come scegliere i prodotti giusti per le pulizie professionali
  • Fiere di settore
  • Qualità e prezzo: come valutare in modo corretto il valore di un’impresa di pulizie?

Iniziamo a scrivere insieme i contenuti che mostrino la tua professionalità ed iniziamo a creare e costruire la fiducia dei tuoi lettori.

View Comments (0)

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Scroll To Top