fbpx
Now Reading
Il ruolo della comunicazione aziendale

Il ruolo della comunicazione aziendale

una staffetta di atletica leggera come metafora del ruolo della comunicazione

Qual è il ruolo della comunicazione aziendale, oggi? La comunicazione aziendale deve necessariamente cambiare stile e approccio, e dovrebbe farlo in fretta, perché nel mutato scenario, la comunicazione tradizionale non funziona più.

Siamo in un’epoca della comunicazione che alcuni già definiscono post social media era, in quanto i Social hanno rappresentato, obiettivamente, una rivoluzione, e sono il simbolo di questi anni.

Può sembrare una frase altisonante ed esagerata; quando si inizia a dichiarare che siamo “post-qualcosa”, bisogna sempre andarci con i piedi di piombo.

In più, e non è poco, siamo anche ufficialmente entrati nell’Era dell’Intelligenza Artificiale, che propone nuove sfide e richiede competenze aggiornate; a dispetto del pensare comune, che già vede l’AI come il perfetto sostituto di “costosi” professionisti.

Si è subito diffusa l’idea che una persona che scriva i contenuti (un copywriter, un giornalista, uno sceneggiatore, uno scrittore) non servirà più, perché “tanto c’è Chat GPT” (uno degli strumenti basati su Intelligenza Artificiale, che quasi tutti conoscono e che ha destato molta curiosità e scalpore).

Siamo sicuri di sapere davvero cosa è l’Intelligenza Artificiale oggi?

Ecco cosa dice Noam Chomsky, in modo volutamente provocatorio, riguardo all’intelligenza artificiale (e a Chat GPT), in un articolo sul New York Times del 2023:

“La mente umana non è una macchina statistica come ChatGPT e simili, avida di centinaia di terabyte di dati, per arrivare a fornire a risposta più plausibile a una conversazione o alla risposta più probabile a una domanda scientifica.”

Al contrario… “La mente umana è un sistema sorprendentemente efficiente ed elegante che funziona con una quantità finita di informazioni. Non cerca di manipolare le correlazioni dai dati, ma piuttosto cerca di creare spiegazioni. […]

Smettiamola allora di chiamarla “Intelligenza Artificiale” e chiamiamola per quello che è, realizzando “software di plagio” perché “Non crea nulla, ma copia opere esistenti di artisti esistenti e le modifica in modo tale che possano sfuggire al diritto d’autore.

Si tratta del più grande furto di proprietà intellettuale mai registrato da quando i coloni europei arrivarono nelle comunità indiane. “

Il che non esclude, anzi è quasi scontato, che i progressi nei prossimi anni saranno enormi, rendendo i meccanismi di funzionamento dei software, sempre più assimilabili a quelli del cervello umano. È un monito ad essere prudenti. Dobbiamo capire, testare ed utilizzare i nuovi strumenti con prudenza, senza pregiudizi, ma anche senza eccessi di entusiasmo.

La comunicazione tradizionale non funziona più

In questo nuovo scenario, sicuramente è un fatto, ancora inconsapevole per molti, che la comunicazione tradizionale non funziona più; nel senso che la comunicazione, come pubblicità finalizzata a convincere e ad acquistare un prodotto o servizio va vista diversamente.

La dovremmo vedere  in un’ottica che pone il ricevente del messaggio al centro: lo spiega bene il termine specifico del marketing: dall’Outbound Marketing, sempre più verso l’Inbound Marketing (da una logica di tipo push a un logica di tipo pull, in cui chi riceve il messaggio è chiamato, in modo spontaneo, all’azione, se davvero è interessato).

Inbound Marketing e creazione di contenuti originali e unici

L’Inbound Marketing cerca, infatti, di attrarre i potenziali clienti in modo naturale, fornendo loro informazioni utili e rendendo quest’ultime accessibili in tutti i canali in cui essi potrebbero cercarle (blog aziendale, social network, motori di ricerca, ecc.).

Inbound Marketing è  un approccio di marketing strategico focalizzato sulla creazione di contenuti di qualità, pensati per attirare l’attenzione e per suscitare interesse nei confronti dell’azienda e dei suoi prodotti.

(tratto da: https://www.glossariomarketing.it/significato/inbound-marketing/)

La comunicazione e la costruzione della fiducia

Tramite la comunicazione, creo un rapporto una relazione di fiducia con il mio pubblico di clienti potenzialmente in target e saranno loro a venire a cercare il mio servizio, proprio in virtù di un rapporto che si crea nel medio lungo termine anche tramite la comunicazione.

La comunicazione come risposta a dubbi e domande di persone vere

Loro si fideranno di me e capiranno che io sono l’azienda adatta per risolvere il loro problema. Anche qui, nell’espressione “risolvere un problema” c’è un elemento importante: il prodotto, alla fine deve sempre essere visto come qualcosa che risolve un problema, e, se dobbiamo risolvere un problema, la comunicazione deve adattarsi in tal senso e deve assumere un nuovo punto di vista; non quello dell’azienda, ma quello del nostro cliente tipo e dei nostri “tipi di clienti” (perché il cliente tipo non è uno solo, ma ci sono tante tipologie di clienti le cosiddette Buyer Personas.

Contattaci

Se sei incuriosito da ciò che hai letto e pensi che sia il momento giusto per far “cambiare marcia” alla tua comunicazione, contattaci. Analizzeremo, assieme a te, il tuo progetto, per condividere idee e soluzioni efficaci. Inviaci una mail su info@livingstonweb.it

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricordati di controllare la tua casella di posta per confermare l'iscrizione. Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web, secondo la privacy policy visualizzabile in questa pagina. Registrandoti alla nostra newsletter, accetti di ricevere aggiornamenti periodici da parte nostra. Le email che invieremo conterranno contenuti preziosi per la promozione della tua attività online.

Scroll To Top